Fisioterapia Maniscalco

Kinesiotaping

Il kinesiotaping è una tecnica koreana di applicazione di un tape, ovvero di un cerotto.

L’ideatore è il coreano Dr.Kenzo Kase. Ha avuto dapprima visibilità con le olimpiadi di Soeul 1988, è entrato nel canale commerciale e nel business nel 1995, per poi avere un’incredibile notorietà con le olimpiadi di Pechino 2008.

 

kinesiotaping protesi ginocchio

kinesiotaping drenante

kinesio drenante post-artroprotesi ginocchio

kinesio cervicalgia dopo onde durto

kinesiotaping cervicalgia

Caratteristiche del cerotto:

  • ha uno spessore e peso simile alla pelleconvoluzioni kinesiotaping
  • è privo di lattice
  • sicuro per applicazioni geriatriche o pediatriche (le persone anziane preferiscono in genere il colore beige perchè è meno appariscente)
  • Il cerotto è caratterizzato da una messa in tensione già pre-esistente di circa il 10%.
  • Non sono cerotti medicati e la loro efficacia è data solo dall’elasticità del cerotto stesso e dal tipo di tecnica di applicazione (descritta in seguito).
  • Il colore del cerotto non cambia l’effetto, non cambia la tensione del cerotto stesso ecc.. può al massimo avere un effetto cromo terapico, per chi ricerca anche questo.
  • È dotato di elasiticità longitudinale di circa 75%
  • Ha un collante termo-attivo (nelle persone con carnagione chiara può essere questo a generare lievi arrossamenti o irritazioni, soprattutto con cerotti dal colore scuro, es.nero, poichè sollecitano maggiormente l’attivazione del collante stesso).
  • Può essere tenuto applicato per 3-5 gg continuativamente.

 

Effetti fisiologici principali:

  •  pelle
  •  sistema circolatorio/linfatico
  •  fascia
  • muscoli
  • articolazioni

 

Tecniche di applicazione: 

tecnica fan tecnica fan, o a “polipo”,o “forchetta”: essa viene utilizzata per ottenere un effetto drenante e decongestionante. Le “grinzette” prodotte dal cerotto, chiamate più correttamente convoluzioni, sono determinate dalla contrazione del cerotto attraverso la sua iniziale e pre-esistente tensione del 10%. Queste “grinzette” cosi’ ottenute permettono di creare maggior spazio nel sottocutaneo consentendo così al gonfiore, edema, di potersi drenare più agevolmente potendo avere delle strade aperte.

Inoltre tale effetto recoil, tali convoluzioni, alleggeriscono la pressione esercitata sulle terminazioni nervose e sui recettori che a causa del gonfiore ci fa percepire dolore. Abbiamo dunque un’azione drenante antalgica.

Altri tipi comuni di applicazioni prevedono: il ritaglio del cerotto ad “Y”, con due code ottenute da un taglio al centro del cerotto; ad “x”; oppure ad “I”, solo ritagliando gli angoli del cerotto.

kinesiotaping nello sportivo

inibizione flessori ginocchio

kinesiotaping spalla

kinesiotaping trapezi cervicalgia

effetto recoil kinesiotaping

A seconda della tensione che si dà al cerotto si avranno effetti diversi:

• con una tensione del 15-25% , con decorso opposto a quello del muscolo, ovvero da inserzione a origine , si ottiene un effetto inibente sull’attività di un muscolo, ad esempio in caso di una contrattura o di una lesione muscolare in fase di guarigione.

• Con una tensione dal 25% al 50%, con un decorso che va fisiologicamente da origine a inserzione di quel muscolo, si ha un’effetto facilitante del muscolo in oggetto.

• Tensioni maggiori al 50% fino al 75% sono solo per tecniche correttive e di stabilizzazione articolare
Base e parte finale del cerotto devono sempre essere applicate senza tensione.

effetti kinesio

Consigli pratici a chi lo ha applicato su di sé:

Per rimuovere il cerotto è consigliabile rimuoverlo delicatamente evitando “strappi”- simil ceretta, in modo da evitare irritazioni. In caso di difficoltà è consigliabile rimuoverlo in occasione di una doccia. Il collante del cerotto viene applicato in modo da formare delle piccole onde, un’alternanza tra collante e parte traspirante, questo lo rende adesivo anche con l’acqua ed in grado di asciugarsi facilmente nel giro di circa 2 minuti. Pertanto ci si può fare la doccia e nuotare. Per asciugarlo è consigliato tamponare con l’asciugamano per uno due minuti. Evitate di utilizzare il Phon per asciugarlo, tranne proprio non si vada di corsa e per un periodo brevissimo e con poco calore.

 

Controindicazioni:

Trombosi Venosa Profonda (TVP), Tumori , Sofferenze cutanee.

Consigliabili precauzioni su pazienti diabetici.

 

 

N.B Presso il nostro studio, il kinesiotaping è parte integrante del trattamento, esso viene spesso applicato gratuitamente a fine seduta settimanale, in modo da poter mantenere e migliorare gli effetti della seduta stessa durante il week-end! Questo vuole rappresentare un altro modo di perseguire l’esclusivo interesse di ottenere il risultato ed il benessere dei nostri pazienti.

Le informazioni sopracitate non vogliono essere di natura tecnico-specifica ma semplificate per fornire semplici informazioni ad un pubblico eterogeneo.

balotelli kinesiotaping lombare

 

PER INFORMAZIONI